Inhalt

Elementi costruttivi in materia di costruzioni in legno e di ingegneria dei servizi edilizi

Christoph Urschler, 07.06.2018

Christoph Urschler è un tecnico edile e ha maturato una grande esperienza nella costruzione in legno a più piani come amministratore delegato dello studio di ingegneria TBH Ingenieur GmbH. La sua visione è quella di posizionare il maggior numero possibile di installazioni (alimentazione/smaltimento/generazione/produzione di energia/distribuzione di energia, ecc.) all`esterno dell`edificio, cioè sulla facciata.

Osservazioni introduttive
Uno dei punti focali dell'ingegneria dei servizi per l'edilizia è rappresentato dai tubi per il trasporto dell'acqua negli edifici. In questo caso si verificano molti errori, soprattutto nel settore delle docce e dei bagni, a causa della mancanza di guarnizioni o di un'errata installazione dei sistemi di tubazioni, nonché di danni causati dall'acqua non ancora scoperti. Due terzi dei difetti di costruzione nell'ingegneria edilizia sono errori di progettazione e di esecuzione. Gran parte delle carenze riguardano le condutture.
Le cause più comuni sono:
- collegamenti delle tubazioni mal eseguiti o difettosi (ad es. raccordi o rubinetteria).
- impatto meccanico su tubi e cavi (ad es. deformazioni o influenze esterne)
- punti di debolezza dei materiali e corrosione delle tubazioni e dei componenti dell'impianto
- fissaggio insufficiente dei cavi
- sigillatura difettosa dei giunti e dei collegamenti
- sigillatura inadeguata o difettosa di superfici con contatto coll'acqua
- errata esecuzione delle condutture dei tubi
- perdite nelle connessioni dei dispositivi

Per evitare errori, si preferiscono i seguenti concetti:
- cavi liberamente sospesi o le condutture in un raggruppamento compatto
- separazione degli impianti dalla struttura portante e dalle finiture interne
- accessibilità permanente (preferibilmente accessibilità attraverso aperture non distruttive)

Varianti della conduttura dei cavi:
 Ci sono le seguenti possibilità di passaggio dei cavi:
- visibile (raro per ragioni ottiche e acustiche)
- negli intagli
- nel pavimento
- in un vano tecnico tra la finitura e la struttura in legno (in genere sono possibili risanamenti, ma l'umidità all`interno può rimanere a lungo inosservata).
Molto spesso i cavi vengono posati nel pavimento. I vantaggi sono la semplicità di montaggio, l'economicità dell'installazione iniziale e i bassi costi di progettazione. Gli svantaggi negli edifici residenziali in legno sono la ristrutturazione impegnativa e costosa, l'assenza o la ridotta possibilità di controllo della tubatura e il fatto che anche piccole e prolungate perdite inosservate portano a grandi danni. Per questo motivo cerchiamo di evitare la posa delle tubature nel pavimento.

Le alternative ai tubi posati nei per pavimenti sono:

- posa delle tubature sul lato esterno dell'edificio in appositi cavedi.
- installazione a pavimento solo per il riscaldamento a pavimento, ma senza connettori. Il collegamento viene effettuato nella scatola (accessibile) di installazione.
- riscaldamento a parete: ha un elevato fabbisogno di superficie della parete con un fabbisogno energetico molto basso. Perdite e infiltrazioni sono chiaramente visibili qui.
- posa dei tubi in un`intercapedine tecnica con rivestimento: definiamo all`interno dell`intercapedine una specie di grondaia impermeabile, in caso di perdite, l'acqua scorre nella grondaia. Ci si può dare un'occhiata ogni pochi mesi.
- posa delle condutture nei pavimenti galleggianti o nei profili dei battiscopa.
- sistemi senza acqua come il riscaldamento ad infrarossi o ad aria: queste alternative hanno senso solo se corrispondono allo standard dell'edificio, come una casa passiva o installate nei bagni. Altrimenti è discutibile se il calcolo costi-benefici sia corretto.

Che cosa è importante per l`implementazione a regola d`arte degli impianti tecnici?
- pianificazione integrale: il BIM svolgerà un ruolo sempre più importante. Con il BIM si possono evitare molti errori, soprattutto nelle costruzioni in legno a più piani.
- Pianificazione interdisciplinare.
- ragionevole integrazione di opzioni di revisione e manutenzione rinnovabili
- facile accessibilità.
- Coordinamento tra i singoli professionisti in una fase iniziale. La disposizione degli impianti tecnici è meglio determinata già nel concetto preliminare o, meglio ancora, nel concetto energetico.
- tempo di pianificazione sufficiente, remunerazione adattata alle elevate esigenze nella fase di progettazione.

Christoph Urschler

 

si è laureato in Tecnica edile e gestione degli edifici ed è firmatario e amministratore delegato in diritto commerciale per la tecnica degli impianti dello studio di ingegneria TBH Ingenieur GmbH. www.tbh.at

 

 

© I copyright di contenuti, foto e immagini sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti senza accordo con promo_legno e gli autori.