Inhalt

La casa multigenerazionale Giesserei

Winterthur, Svizzera

La Svizzera è il paese leader in Europa nell’edilizia multipiano in legno. Non si tratta solo di un approccio ecologico, ma di un modo di costruire innovativo dal punto di vista contenutistico. Questi sono i principi a cui si è ispirato il complesso residenziale plurigenerazionale Giesserei di Winterthur, inaugurato alla fine del mese di gennaio 2013. 

Presupposto fondamentale era una costruzione in legno

Che un materiale ecologico come il legno dovesse rivestire un ruolo importante in quest’opera edilizia orientata alla sostenibilità e ad una urbanizzazione innovativa e partecipativa, era già evidente nel bando di concorso svoltosi nel 2009, accanto alla conformità all’Eco Standard svizzero Minergie P. Con i suoi sei piani sui due lati più lunghi e due piani su quelli più corti, per un totale di 155 appartamenti, il complesso a forma di corte è oggi una delle più grandi opere residenziali in legno della Svizzera.

Ad eccezione dei seminterrati, delle trombe delle scale e del rivestimento interno antincendio (anche i locali sono rivestiti con pannelli in fibra di gesso per motivi di protezione antincendio), la costruzione è interamente in legno: le pareti sono state realizzate con la convenzionale tecnica dell’intelaiatura a traliccio, e gli elementi di tetti e solai sono realizzati, a seconda della campata, con elementi in legno massiccio o lamellare. “Se vogliamo descrivere il progetto in numeri” spiega Daniel Indermühle, l’ingegnere incaricato del progetto, specializzato in edilizia in legno, “il volume della struttura portante conta 2.400 metri cubi di legno lamellare e a telaio, pari a 148 chilometri se volessimo disporli orizzontalmente.”

Le logge, talvolta larghe tre metri e talvolta a due piani, fungono da locali esterni aggiuntivi e sono parte integrante della struttura lignea portante. Hanno una pavimentazione in abete trattato termicamente di cui ne sono stati utilizzati 5100 metri quadri.

Per motivi di sicurezza contro gli incendi, gli edifici multipiano in legno prevedono di regola una facciata in materiale minerale. Non è questo il caso del complesso Giesserei di Winterthur. Lo studio di architetti di Zurigo Rudolf Galli ha infatti espresso il desiderio di dare completa visibilità alla costruzione lignea. Per questo l’edificio è completamente rivestito con listelli di abete bianco posti sia orizzontalmente che verticalmente.

Una gestione comunitaria sostenibile

Il complesso plurigenerazionale grazie all’offerta abitativa altamente variegata offre una soluzione abitativa ideale a famiglie di diverso tipo e status generazionale, dai più giovani ai meno giovani. L’insediamento è organizzato come una comunità domestica responsabile. La cooperativa per l’abitare autogestito GESEWO (Genossenschaft für selbstverwaltetes Wohnen), nella sua veste di costruttore, funge da centro logistico. Il punto focale è l’instaurarsi di relazioni di vicinato che consentano una convivenza soddisfacente per tutti.

La gestione del complesso all’insegna della sostenibilità e la partecipazione attiva di tutti i residenti sono parte integrante del progetto. Grazie al sistema “Smart Metering”, ad esempio, è possibile monitorare e quindi ridurre sensibilmente il consumo energetico (riscaldamento, elettricità e acqua calda). E si va in bicicletta: si tratta infatti di un insediamento residenziale chiuso al traffico, nel quale sono a disposizione ben 580 parcheggi per bici.

Complesso residenziale plurigenerazionale Giesserei

Località

Winterthur, CH

Scheda dell'opera

Luogo
Winterthur, CH

Construction Management
ph-baumanagement, Frauenfeld 

Architettura
Galli Rudolf Architekten AG, Zurigo

Progettazione strutture in legno
Indermühle Bauingenieure, Thun

Costruzioni in legno
Arge MGH Implenia Brunner, Zürich; Knecht, Oberwil


Sostenibilità
Ufficio di Ingegneria Civile e Ambientale, Zurigo
Superficie utile: 16.900 m2
Superficie lorda di 29.400 m2
Volume di Piano: 96.700 m3

Dati tecnici
155 abitazioni (e le aree comuni associate) Infrastrutture nelle aree del piano terra (tra cui biblioteca, ristorante biologico, asilo nido, magazzini, centro per problemi mentali)

Pareti: intelaiatura a traliccio
Tetti e solai: realizzati, a seconda della campata, con elementi in legno massiccio o lamellare

Durata lavori
Concorso nel 2009
Durata lavori dal 2011 a fine gennaio 2013

Quantità di legno utilizzato
Legno lamellare per la struttura e la struttura di sostegno: 2.400m3 ca
OSB: 11.800m2
Pannelli a tre strati: 20.600m2
Facciata cassettonata: 12.400m2 (abete bianco)
Pavimentazione Balcone: 5.100m2 (abete rosso termicamente trattato)

Fine lavori
gennaio 2013

Completamento

Gennaio 2013