Inhalt

Palazzina di Arsago Seprio

Italia

Credits archivio fotografico Rockwool

Un cantiere "didattico"


Un progetto intelligente fatto di integrazione e collaborazione tra tutti i professionisti che hanno lavorato in sinergia per realizzare una palazzina in legno rapida nella costruzione e a basso fabbisogno energetico. 

Da queste innovative tipologie di costruzione abbiamo tutti da imparare qualcosa”. Le parole dell’Ing. Giorgio Montagnoli, responsabile della costruzione delle palazzine di Arsago Seprio, in provincia di Varese, esemplificano l’approccio didattico al cantiere. Un’esperienza costruttiva in cui tutti gli attori del progetto hanno partecipato per raggiungere il medesimo obiettivo sin dalle prime fasi concettuali.

Gli obiettivi e il progetto

Duplice l’obiettivo dichiarato dal progetto: realizzare un complesso abitativo in cui l’efficienza energetica si abbinasse a un’altissima qualità dell’ambiente interno e, al contempo, registrasse il più elevato rispetto per l’ambiente esterno. Il cantiere è sostanzialmente costituito da una palazzina in legno composta da sei appartamenti ad alta efficienza energetica, per una superficie totale di 600 m2. Utilizzando la tecnologia dei pannelli XLAM, la costruzione della struttura si è sviluppata in un tempo brevissimo, un solo mese di lavoro. Inoltre, grazie all’accennata progettazione accurata e alla stretta collaborazione tra progettista architettonico, progettista strutturale, progettista termotecnico e aziende costruttrici, è stato possibile realizzare una struttura con soli 3 kW di fabbisogno per ogni alloggio.

Isolamento e impiantistica

In ogni singolo appartamento – riprende l’ing. Montagnoli - abbiamo creato un locale tecnico, sul cui soffitto abbiamo posto l’impianto di ventilazione meccanica controllata. Un sistema che in questa tipologia di costruzioni è di assoluta rilevanza, in quanto riesce a riciclare l’aria ambiente e a ripulirla senza la necessità di aprire le finestre”. A supporto dell’impianto di ventilazione è stato inoltre creato un vano tecnico generale, nel quale confluiscono tutte le canalizzazioni che scaricano direttamente all’esterno.

Inoltre, per garantire elevate prestazioni di efficienza energetica estiva ed invernale, è stato necessario prevedere per l'involucro un sistema di isolamento studiato nei minimi dettagli sia per la copertura che per le pareti isolate attraverso un sistema a cappotto. Anche le strutture interne (partizioni verticali ed orizzontali, contropareti e controsoffitti) sono state oggetto di elevata attenzione progettuale, soprattutto ai fini acustici. Come materiale isolante  è stata scelta la lana di roccia per i suoi eccellenti contributi energetici invernali ed estivi, nonché per le sue proprietà acustiche di fonoassorbimento, la notevole protezione dal fuoco, la resistenza meccanica e la durabilità nel tempo. Inoltre, per le sue caratteristiche intrinseche, la lana di roccia ben si adatta all'isolamento di edifici in legno. 

Risparmio energetico e certificazione Casa Clima

«Costruire in legno non costituisce di per sé una novità, lo è però concepire condomini multipiano in cui l'intera struttura viene realizzata in legno, con non pochi vantaggi in termini di rapidità di esecuzione, di qualità del costruito, di risparmio della manodopera e di pulizia del cantiere» - spiega Giorgio Montagnoli. In effetti, qui, il legno delle strutture in XLAM appare completamente rivestito ed è visibile soltanto parzialmente nella zona balconi.  

La peculiarità di questo condominio risiede però soprattutto nella sua valenza energetica. I sei appartamenti, che si estendono per un totale di 600 m², hanno infatti un fabbisogno estremamente ridotto, pari a 3 kW per ogni alloggio. Tutto questo è stato reso possibile grazie alla perfetta collaborazione tra progettista architettonico, progettista strutturale, progettista termotecnico e impresa costruttrice. Le elevate performance e la portata innovativa dell'edificio lo hanno reso degno di ottenere la prestigiosa certificazione CasaClima, marchio che identifica l'eccellenza della qualità del costruire sostenibile ma che, come ha sottolineato Ulrich Klammsteiner, vice presidente dell'associazione, segue nel tempo le realizzazioni certificate, sottoponendole ad una serie di rigorosi test e verifiche periodiche.   

           

Foto Gallery





Credits archivio fotografico Rockwool

SCHEDA DELL'OPERA


Committente
Ing. Giorgio Montagnoli

Architetti
Studio Architettura Vanoni - Induno Olona (VA) - Arch. Alessandro e Giovanni Vanoni

Calcoli statici
Studio Deda  (FI) - Ing. Maurizio Follesa e Ing. Davide Vassallo

Impresa di costruzioni
Montagnoli Evio Srl - Arsago Seprio (VA)

Tempi di realizzazione
Struttura in legno al grezzo:  20 novembre  - 20 dicembre 2012 - Consegna finito: maggio 2014

Superficie utile
738 m2

Costo
901.350 Euro (escluse opere edili, progettazione, oneri comunali, recinzioni esterne)

Sistemi costruttivi
Palazzina multipiano in legno ad alta efficienza energetica, composta da sei appartamenti

Statica
Struttura in pannelli di  legno a 5 strati incrociati XLAM

Pareti esterne
Pannelli XLAM,  montaggio a secco

Tetto e solai
Pannelli XLAM con travi in lamellare

Copertura del tetto
VMZINC lamiera in zinco - titanio grigio patinato

Isolamento
Sistemi ROCKWOOL
Cappotto esterno: pannello  Frontrock MAX E  sp. 160 mm
Copertura: pannelli Hardrock Energy + Durock Energy, sp. totale 240 mm
Solai interpiano: Steprock HD sp. 50 mm,  Acoustic 225 plus. 

Fabbisogno energetico
5/9 kW per ogni alloggio

Certificazione
CasaClima A - Cened A+ 

Facciate
Sistemi ROCKWOOL
Porzioni opache: intonaco ai silicati in pasta colorata. Porzioni trasparenti: serramenti in PVC a 5 camere cave con triplo vetro bassoemissivo con gas Argon di Internorm. Cappotto in lana di roccia ROCKWOOL mm. 160, intonaco a finire Caparol 

Partizioni interne
1 lastra in fibra di gesso mm. 12,5 + 1 lastra in cartongesso mm. 12,5 su profili metallici

Protezione dal fuoco
I pannelli isolanti svolgono anche un'efficace azione di protezione dal fuoco  

Impiantistica
Sistemi HOVAL
Pompa di calore Belaria R Twin che vanta un coefficiente di performance (COP) di 4,62 per il riscaldamento e il raffrescamento estivo, integrata con un sistema a energia solare realizzato con cinque collettori Hoval WK251A, un bollitore ESSR 1000L per l’acqua calda, un bollitore solare ESSR 500L e un accumulo di energia Enerval 1000L. Inoltre, per garantire il costante ricambio dell’aria all’interno delle abitazioni, sono stati installati sei sistemi di ventilazione meccanica controllata Hoval Home Vent FR-180 con recupero di calore e umidità.