Inhalt

Nine Bridges Golf Resort

Yeoju, Corea del Sud

 

clubhaus

 

 

Il complesso del Nine Bridges Golf Resort a Yeoju, nella Corea del Sud, si compone di tre blocchi di edifici: una club-house per i soci ordinari, una sezione per i soci Vip e una struttura residenziale con suite private. Ogni elemento presenta un diverso sistema strutturale. La club-house, a cui il complesso deve il suo stile caratteristico, è costituita da una costruzione in legno che nelle sue forme primitive richiama il "bamboo wife" (moglie di bambù), tradizionale guanciale coreano fatto di strisce di bambù intrecciate. La struttura residenziale è realizzata principalmente in acciaio, mentre nella sezione per i soci Vip si trovano anche elementi in cemento. Tutti gli edifici sono ispirati alla tradizione architettonica coreana, che viene riproposta in forme contemporanee.

La club-house appare come una "foresta", disegnata secondo uno schema rigidamente geometrico. 21 colonne simili ad alberi sorreggono la copertura di 36 x 72 metri. L'"intreccio di rami" delle chiome, con funzione di trasferimento del carico, si sviluppa fino alla tettoia larga 4,50 metri. La struttura misura in altezza 13,60 metri. Come in natura, anche in quest'opera non esistono elementi diritti. Tutte le superfici sono movimentate da curve semplici o, in gran parte, doppie. Sulle chiome poggia un reticolo di travi principali e secondarie, nel quale sono integrati 21 lucernari a cupola del diametro di 3 metri. Un pannello a tre strati costituisce la copertura superiore della struttura lignea. Le colonne ad albero fungono da elemento portante del tetto, ma al tempo stesso, grazie alla loro struttura trasparente, lasciano filtrare la luce all'interno e provvedono alla ventilazione naturale degli spazi.

Dopo ogni singola fase costruttiva, si è dovuto procedere all'allineamento e alla stabilizzazione della struttura. I tronchi sono stati ancorati alle fondamenta per mezzo di tiranti. In seguito si è passati alla posa dei segmenti di chiome, preassemblati in cantiere con i loro quattro steli. Il risultato è una sorta di volta, che in ogni campata è stabilizzata da quattro tronchi. È stato così possibile integrare con precisione la facciata perimetrale in vetro. L'edificio si innesta sulle facciate senza controventature diagonali: a garantire stabilità è l'intera struttura portante nel suo complesso. La pianta rettangolare, di per sé semplice, prevedeva dettagli costruttivi dal pattern ripetitivo, a vantaggio della resa tecnica. 

Shigeru Ban sottolinea che la scelta della struttura lignea si deve anche a considerazioni di natura ecologica nonché alla possibilità di lavorare esclusivamente con programmi di elaborazione dati intelligenti ed elementi prefabbricati ad altissima precisione. Da qui l'efficienza nel coordinare le operazioni di assemblaggio in Svizzera e il montaggio in loco. La Corea del Sud non dispone di macchine per la lavorazione del legno idonee per realizzare componenti così sofisticati. Pertanto, per la progettazione e il calcolo delle geometrie spaziali, le opere d'ingegneria e la produzione, sono stati chiamati in causa aziende e privati dalla Svizzera. Avendo collaborato alla realizzazione del nuovo Centre Pompidu nella città francese di Metz, Shigeru Ban ne conosceva già le competenze ingegneristiche.

Anche in quell'occasione, la progettazione e il dimensionamento della copertura lignea sono stti affidati allo studio di ingegneria svizzero Création Holz che, forte dell'esperienza accumulata, per la club-house di Yeoju intendeva valicare nuove frontiere. È stato messo a punto un sistema di connessione a coppie di giunti sovrapposti: oltre a rappresentare una novità, è stato determinante per la fattibilità del progetto, che fin dall'inizio era parso una sfida impossibile. Come elementi di giunzione sono state utilizzate solamente viti e colle per la trasmissione delle spinte negli strati e nei punti di intersezione. Anche se in questo caso non si tratta puramente di collegamenti legno-legno, Hermann Blumer di Creátion Holz resta convinto che in futuro un sistema simile potrà essere realizzato anche con tasselli per legno. 

L'autore ringrazia l'ing. Hermann Blumer per le informazioni e la revisione del manoscritto.

Sulla sommità poggia una griglia di supporto con travi principali e secondarie, sulla quale sono integrati 21 lucernari. La parte superiore è una lastra a tre strati.

I supporti non svolgono solo una funzione di sostegno, ma forniscono anche luce e ventilazione naturale.

Foto
© Blumer-Lehmann AG

Text

Charles von Büren
  • geboren 1939 in Bern
  • Architekt und Publizist, lebt in Bern
  • Baupraxis bis 1975
  • ab 1975 Presse-Tätigkeit und Fachbücher
  • 1981 bis 2000 Öffentlichkeitsarbeit als PR-Beauftragter der Lignum
  • 1988 bis 1991 Pressesprecher der Forschungsanstalt WSL Birmensdorf
  • seit 2000 PR für den Schweizerischen Ingenieur- und Architektenverein SIA in Zürich

Golf Clubhouse, Yeoju

Località

Yeoju/ROK

Progetto

Shigeru Ban Architects
Tokio/JP
www.shigerubanarchitects.com

Kevin S. Yoon
kaci International
Seoul/ROK
www.kaci-int.com

Struttura di copertura e sistema costruttivo

Valutazione di fattibilità statica
Création Holz GmbH
Herisau/CH
www.creation-holz.ch

Analisi della geometria e delle macchine per l'esecuzione

designtoproduction GmbH
Erlenbach/CH
www.designtoproduction.ch

Calcolo struttura in legno

SJB.Kempter.Fitze AG
Frauenfeld/CH
www.sjb.ch

Struttura in legno

Blumer-Lehmann AG
Gossau/CH
www.blumer-lehmann.ch

Materiali

315 m3 travi curve, 215 m3 travi lamellari dritte, 4.500 elementi, di cui 467 diversi tra loro

Principio costruttivo

Colonne fissate al suolo che supportano la doppia struttura curva della copertura.

Completamento

Settembre 2009